Cioccolato o cioccolata: come si scrive?

Cioccolato o cioccolata

Cioccolato o cioccolata? Avete mai pensato a quale sia il termine corretto per definire uno degli alimenti più buoni del mondo? In realtà le due parole sono entrambe corrette, esiste solo una leggera differenza che spiegheremo nel corso dell’articolo. Probabilmente ognuno di noi usa più spesso l’uno piuttosto che l’altro, questo dipende anche dal luogo dove viviam,o perché esistono delle differenti pronunce a seconda della regione italiana.

Origine del cioccolato e della cioccolata

La parola cioccolato ha origini amerindie e deriva dal termine nahuatl cocholatl poi diventato in spagnolo chocolate. L’Europa conosce questo dolcissimo prodotto nel Cinquecento proprio grazie all’importazione spagnola e il prezioso oro marrone si diffonde in Italia nel Seicento. Nel nostro Paese il suo nome, fino all’Ottocento, si pronuncia in ben 4 modi diversi: cioccolate, cioccolato, cioccolata e cioccolatte. Con cioccolate si intendeva in origine la pasta di cioccolato che si mangiava sciolta in acqua o latte con l’aggiunta di zucchero. In Sardegna ad esempio per anni hanno utilizzato cioccolate, in Lombardia cioccolato mentre in Toscana, Veneto, Piemonte, Sicilia ed in altri posti si diceva cioccolata.

Con il passare dei secoli i termini in uso restano due: cioccolato e cioccolata, e si comincia distinguendo tra la tavoletta e la pasta di cacao definite cioccolato e la bevanda in tazza detta cioccolata.

Si preferisce utilizzare la parola femminile per indicare la bevanda, cioccolata calda e cioccolato per definire il prodotto al latte, fondente, alle nocciole ma come sottolinea anche l’autorevole Accademia della Crusca i due termini sono sinonimi e indicano un “alimento costituito da una miscela di cacao e zucchero, con eventuale aggiunta di aromi, essenze o altre sostanze che viene venduto in polvere o sotto forma di tavolette, cioccolatini”.

In pratica nella lingua italiana possiamo interscambiare i termini parlando in maniera comunque corretta. Oggi possiamo dire: “preparo una torta al cioccolato o cucino un dolce alla cioccolata” oppure “mangio una tavoletta di cioccolato o una barretta alla cioccolata”.

Se ci riferiamo alla bevanda la formula giusta è soltanto quella al femminile: “adesso bevo una cioccolata calda”.

La pasta di cacao

La pasta di cacao è quella meravigliosa scoperta che si ottiene dalla macinazione delle fave ed è ciò che ha dato origine alla base da cui partire per produrre le tavolette. In Italia le prime furono realizzate a Modica, luogo simbolo dello squisito cioccolato italiano. Per quanto riguarda la cioccolata da bere, la bevanda nasce sempre dalla pasta ma era già utilizzata in tempi antichi dagli Aztechi e dai Maya. All’epoca era però diffusa con un sapore amaro e furono i Gesuiti ad addolcirla con lo zucchero regalandoci quella goduriosa miscela che beviamo oggi.